lunedì 19 novembre 2012

MILANO una città che ci regala grandi emozioni


Girando per Milano può capitare, con una certa frequenza, di rimanere incantati da luoghi, edifici o particolari inaspettati.

In via Serbelloni, ad esempio si incontra uno degli edifici Liberty più misteriosi ed affascinanti di Milano.
I meneghini doc lo chiamano la " Ca dell'oreggia ", al secolo Casa Sole Busca, dalla cui imponente facciata sporge, a lato del portone, un grande orecchio in marmo scolpito da Adolfo Wildt.




Si tratta di un bizzarro citofono (1930, uno dei primi a Milano) ora non più attivo, che metteva in comunicazione l'esterno con la portineria interna.


Continuando il nostro giro, un'altra tappa imperdibile riguarda Casa Galimberti, in via Malpighi 3.
Realizzata da Giovanni Battista Bossi tra il 1902 e il 1906, questo palazzo è una delle più originali opere del liberty milanese.





Incantevole la sua copertura fatta con piastrelle decorate in cui figure di donne e uomini sono immersi in glicini fioriti.


Quando invece ci capita di essere nei pressi di via Torino, Ale ed io passiamo sempre da via Spadari per ammirare le splendide ringhiere di Casa Ferrario ...






Se volete stupirvi ancora passate in via Cappuccini 8 per scoprire Palazzo Berri Meregalli.
Massimo esempio dello stile eclettico di cui fu campione Ulisse Arata, il palazzo sembra una casa dell'orrore, con quella facciata in cui elementi presi dagli stili rinascimentale, gotico e romanico si mischiano tra loro.
Lesene, archi in pietra, mosaici e animali mostruosi sovraffollano le mura di questa casa sorta tra il 1911 e il 1914.






Al centro dell'androne una bellissima scultura di Adolfo Wildt rappresenta la Vittoria alata.

E cosa dire se in una grigia giornata invernale, alzando lo sguardo, possiamo ammirare panorami come questo?


                    Ginkgo Biloba in piena fioritura autunnale...

... aspettando la neve 


sabato 17 novembre 2012

arredare con le carte da gioco

Quando si avvicinano le feste viene più voglia di giocare, e quindi oggi giochiamo con l'arredamento

Per i fortunati possessori di una sala per i giochi, o anche solo per chi ha voglia di un pezzo di arredamento alternativo, ci sono alcuni mobili in produzione dai quali possiamo prendere ispirazione



House of cards table - Mauricio Arruda

A la carte - Seletti 2011
lampada ace of spades - Anna Karnov

sgabello-portariviste Comequandofuoripiove di Mabele



Playing Card Table and Chair by Kaira d’or
specchi acquistabili su ebay
Le carte da gioco hanno sempre un loro fascino...

Oltre ad amare i giochi tradizionali con le carte (scala quaranta, canasta, burraco, bridge) ho sempre ammmirato i castelli di carte per l'abilità e l'impegno che bisogna profondere nella loro realizzazione, e ho scoperto le vere e proprie sculture di  Bryan Berg con autentico stupore:

camera da letto in un hotel, completamente realizzata con carte da gioco



Non per niente è il detentore del Guinness dei primati per i castelli di carte!

vogliamo cimentarci nell'impresa?

lunedì 12 novembre 2012

ecosostenibilità

Elettrodomestici eco sostenibili

Ecosostenibilità: questa è oggi la parola chiave per chi deve acquistare un nuovo elettrodomestico.
Ormai questa caratteristica è un fattore fondamentale perché in grado di contribuire notevolmente alla riduzione delle spese domestiche.

Un apparecchio di classe A+ o A++ costerà anche di più, ma ci farà rientrare dalle spese facendoci risparmiare sulle bollette, oltre ovviamente ad inquinare di meno...cosa che non va sottovalutata!

Inoltre in un prossimo futuro gli elettrodomestici potranno utilizzare l'energia solare per produrre direttamente elettricità. Per ora accontentiamoci di usare i pannelli solari per ridurre i consumi delle componenti elettroniche:
è quanto propone Hoover  con un nuovo elegantissimo frigo dotato di due cellule fotovoltaiche che integrano la normale alimentazione, riducendo del 40% il consumo giornaliero del display.

Se penso al mio vecchio frigo americano di 15 anni di età, rabbrividisco al pensiero di quanto il suo utilizzo sia 'pesante' sulla mia bolletta... probabilmente se comprassi un frigo nuovo in un paio di anni   ammortizzerei completamente la spesa!

In effetti ho da poco cambiato la mia vecchia lavatrice Bosch da 5 kg con una nuova LG classe A++ da 8 kg, riuscendo così a ridurre sensibilmente il numero dei lavaggi settimanali. Ogni lavaggio oltretutto consuma meno energia, meno acqua e necessita di una quantità inferiore di detersivo. E quindi anche io ho iniziato a risparmiare ed inquinare di meno.

Ma non possiamo dirci veramente verdi se non compriamo questa:

Ekokook, la cucina ecologica

la cucina Ekokook dei francesi Faltazi potrebbe essere infatti una vera scoperta per tutti gli ecologisti convinti.

In un corpo unico avremo una gestione dei rifiuti intelligente, metodi di cottura salutari, riduzione del consumo energetico e soluzioni funzionali per lo stoccaggio dei cibi. E' dotata di un lavandino con due sistemi di scarico, di cui uno per immagazzinare fino a 15 litri d’acqua pulita riciclabile al giorno (da utilizzare ad esempio per innaffiare le piante). I rifiuti solidi sono sminuzzati da un sistema meccanico che crea blocchi compressi da riciclare salvando spazio, e, udite udite,  un’intera famiglia di vermi è arruolata per trasformare i rifiuti organici in compost!

Fighissima! Ma devo dire che l'idea dei vermi in cucina mi pare un po' troppo spinta... che succederebbe nel caso si dessero alla fuga?!?


lunedì 5 novembre 2012

Resina

La RESINA: un materiale che ci offre infinite possibilità


Usata inizialmente come prodotto per gli stabilimenti industriali, la resina oggi e' diventata un must nel design dell'arredo d'interni.
Questo materiale si apre a nuovi spazi e nuovi confini, sia per quanto riguarda le nuove abitazioni, spazi espositivi e uffici, sia nell'ambito delle ristrutturazioni poiché si adatta alle situazioni più diverse.

Rapidità di posa e infinite varietà di personalizzazioni sono le sue caratteristiche più interessanti.



Se ad esempio il pavimento della nostra cucina ha fatto il suo tempo, possiamo utilizzare questo fantastico materiale: una giornata e la cucina ci sembrerà nuova!